Elon Musk: l’automazione costringerà i governi a introdurre il Reddito di Base

Elon Musk: l’automazione costringerà i governi a introdurre il Reddito di Base


Recentemente Elon Musk ha avuto la possibilità di condividere i suoi pensieri sul Reddito di Base Universale al World Government Summit di Dubai.  Ha parlato sopratutto del futuro e delle sfide che il mondo dovrà affrontare nei prossimi cento anni - tra cui quella dell'intelligenza artificiale (AI), dell'automazione e dei cambiamenti nel mondo del lavoro.

Quando gli è stata posta la domanda sulle sfide della nostra civiltà nel futuro più prossimo, Musk ha menzionato come primo fattore la minaccia delle intelligenze artificiali che presto superereranno l'umanità.

"Il fatto che esista un’intelligenza artificiale molto più intelligente dell’essere umano più intelligente della Terra è molto pericoloso", ha affermato. 


La sua opinione è che dovremmo portare avanti la nostra ricerca sull’AI con cautela: "Penso che dovremmo stare molto attenti a come adottiamo l'intelligenza artificiale. Dovremmo assicurarci che i ricercatori non si facciano prendere la mano. Ciò che potrebbe succedere è che un team di scienziati sia così preso dal proprio lavoro che non si renda conto delle conseguenze di ciò che sta facendo."

Musk ha anche trasmesso la sua preoccupazione che questa tecnologia abbia un impatto rilevante sui posti di lavoro, e ha fatto notare che secondo lui nel giro di pochi decenni avremo un’automazione massiccia dei mezzi di trasporto: “Vent’anni sono un periodo di tempo troppo breve per raggiungere un 12-15 per cento di forza lavoro disoccupata", ha detto, sottolineando che l’automazione rivoluzionerà il sistema di trasporto basato solo sulle automobili.

Questo problema tuttavia non riguarderà solo il settore dei trasporti, ma tantissime altre industrie. Musk sostiene che il governo debba introdurre il Reddito di Base Universale per compensare questa situazione. "Non credo che avremo scelta", ha detto. "Penso che sarà necessario. Ci saranno sempre meno mestieri che un robot non potrà svolgere meglio di un essere umano.”

Musk è convinto, tuttavia, che la questione vada più in profondità: "la sfida più difficile è: come farà la gente a dare un senso alla propria vita? Molte persone trovano l'appagamento maggiore nel loro lavoro. Se non siamo più necessari, qual è il significato della nostra esistenza? Questo è un problema molto più difficile da affrontare. Come possiamo garantire che il nostro futuro sia il futuro che vogliamo?"

Mentre la discussione sul Reddito di Base Universale continua, varie nazioni e istituzioni hanno già iniziato i propri programmi pilota per testare questo modello.

La Finlandia, ad esempio, ha iniziato quest’anno un programma innovativo lanciato dall'istituto di previdenza sociale federale, il Kela. Verranno distribuiti € 560 al mese, esentasse, a 2.000 finlandesi selezionati in modo casuale.

Allo stesso modo, l’impresa di investimento filantropica del fondatore di eBay Pierre Omidyar ha offerto $ 493.000 per aiutare a finanziare un programma di reddito di base universale in Kenya.

Entro un paio d'anni (o meno?) ci potrebbe essere un numero sufficiente di dati provenienti da questi esperimenti per prendere in considerazione quanto questa soluzione sia effettivamente efficace... e capire se Musk ha ragione o meno. 


Clicca qui per la versione originale dell'articolo

Impara a programmare in 3 mesi con il Corso di Coding Hackademy su Laravel PHP

Diventa Sviluppatore web in 3 mesi

Scopri il coding bootcamp Hackademy

Programma Completo