ParkApp - trovare parcheggio è un gioco da ragazzi

ParkApp - trovare parcheggio è un gioco da ragazzi


Chi siete?

Siamo un gruppo di ragazzi dai 17 ai 19 anni del Liceo Scientifico “Salvemini” di Bari.
Non frequentiamo la stessa classe, ma ci siamo conosciuti perché frequentiamo lo stesso gruppo di amici. Abbiamo partecipato tutti all’alternanza scuola lavoro con auLAB ed essendo quasi neo patentati abbiamo deciso di formare un team per lavorare su questa idea in cui crediamo molto.
 



Qual è la vostra idea?

 

Si tratta di un’applicazione che facilita la ricerca del parcheggio e che invoglia ad aiutarsi a vicenda scambiandosi informazioni come in una community. Il nostro motto è “più parcheggi lasci, più parcheggi trovi”, in quanto il nostro progetto prevede che ogni utente abbia il compito di segnalare i posti liberi tramite un sistema di navigazione.

Com'è nata questa idea?


L’idea è partita da Giuseppe, che sin da piccolo vedeva suo padre arrabbiarsi spesso perché non riusciva a trovare parcheggio. Quando gli è stato chiesto di proporre un progetto per il tour “a scuola di startup” l’idea è piaciuta a molti, ed è stato facile formare un buon team. La parte difficile è stata cercare di capire come spronare le persone a segnalare i posti vuoti.
Dopo un lungo brainstorming ci è venuta l’idea del gaming. Abbiamo pensato di fornire ad ogni utente una zona e un massimo di ricerche giornaliere nella versione base dell’app. Solo segnalando posti liberi sarà possibile accumulare i “parkapp coins” ed allargare la zona di interesse di parcheggio o aumentare il numero di ricerche possibili.

Come credete che la vostra idea possa migliorare la vita a qualcuno?
 

Trovando subito parcheggio si risparmia tempo e quindi ci si stressa meno. Se fossimo tutti meno nervosi di sicuro il mondo sarebbe un posto più tranquillo.
Il nostro scopo è rendere un’attività snervante come la ricerca di parcheggio un gioco divertente.

Pensate che la vostra età sia un limite?
 

Per quanto riguarda la creatività assolutamente no, ma per la realizzazione dobbiamo ammettere di si. Non abbiamo le stesse competenze e possibilità di persone più adulte, tutto quello che abbiamo realizzato fin ora – come per esempio il sito internet - lo dobbiamo al progetto svolto con auLAB, e per il resto utilizziamo programmi semplici come paint.
In compenso abbiamo avuto un’idea secondo noi molto valida che a persone più grandi non è mai venuta in mente!

Pensate di vincere?

Ovviamente! Noi puntiamo a vincere perché siamo sicuri che la nostra app potrebbe potare ad un’innovazione davvero utile nella società.

Impara a programmare in 3 mesi con il Corso di Coding Hackademy su Laravel PHP

Diventa Sviluppatore web in 3 mesi

Scopri il coding bootcamp Hackademy

Programma Completo